Cookies help us in the provision of our services. The Facebook pixels help us improve our marketing activities. By using our services you agree that we may use cookies and Facebook pixels. › Find out moreOK

Sette segreti

I sette segreti dell’Oktoberfest Bier di Paulaner

1. Grado alcolico

Originariamente al Wiesn si serviva la Märzen, l’ultima birra che era permesso produrre nel mese di marzo (März), prima dell’arrivo dell’estate. Affinché si conservasse fino all’autunno, si produceva con un carattere più forte. La tradizione si è presto trasformata in regola e oggi tutte le birre dell’Oktoberfest devono avere un grado Plato compreso tra 13,5 e 13,99 percento e ciò permette alla Paulaner Oktoberfest Bier di raggiungere un grado alcolico pari a circa 6 percento. Il grado Plato della Paulaner Münchner Hell è, invece, pari a 11,5 percento e il grado alcolico raggiunge il 4,9. Il grado saccarometrico conferisce alla Paulaner Oktoberfest Bier maggiore corposità e un sapore leggermente amaro. È una birra del Wiesn meravigliosamente beverina e con un carattere pieno.

2. Buona tolleranza

Un contenuto alcolico maggiore non è sempre sinonimo di cattiva tolleranza. L’elevata percentuale di attenuazione (circa 80 %) è fondamentale. Infatti, maggiore è la percentuale di attenuazione, meno saranno gli zuccheri residui presenti nella birra e questo permette al corpo di smaltire l’alcol più facilmente.

3. Materie prime locali

Il luppolo utilizzato per produrre la nostra birra della festa proviene dalla regione dell’Hallertau. Anche il malto deve essere della qualità migliore per raggiungere un’alta percentuale di attenuazione. Paulaner produce la sua Oktoberfest Bier solo con il malto proveniente dalla Baviera.

4. Competenza birraia

Per i birrai monacensi l’Oktoberfest è un campionato mondiale di birrificazione. Ha luogo una vera sfida tra i vari birrifici locali, ciascuno dei quali sostiene di offrire birra di alta qualità. Paulaner si distingue dagli altri produttori per il suo procedimento di birrificazione basato sullo “Zweimaisch-Verfahren” (doppia fermentazione) nel quale una parte del mosto è cotto due volte. Grazie a questo procedimento la Paulaner Oktoberfest Bier ottiene la sua corposità e la sua speciale lucentezza.  

5. Grado di maturazione

Dopo la fermentazione a freddo, la birra passa alla fase della maturazione che le assicura la sua salubrità. A 0° C la Paulaner Oktoberfest Bier raggiunge la perfetta maturazione nella cantina di deposito. Rispetto ad altre birre, ha tempi di fermentazione e di maturazione più lunghi. Per almeno 4 settimane resta in deposito presso le cantine del Nockherberg.   

6. Schiuma da sogno

Anche gli occhi assaporano il piacere della Paulaner Oktoberfest Bier. Durante il lungo periodo di deposito, il lievito non più fermentescibile precipita sul fondo del tank, e per evitare che questo danneggi la stabilità della schiuma, la birra è pompata in nuove cisterne.

7. Bestseller

La Paulaner Oktoberfest Bier è un vero bestseller e un prodotto di successo nell’esportazione. Con la quota di mercato più alta in Germania ed esportata in più di 60 Paesi, è la birra della festa di maggior successo. Con l’Oktoberfest Bier di Paulaner una parte dello stile di vita monacense si diffonde nel mondo!